Pacman

La figlia di una coppia di amici festeggia sempre il suo compleanno in concomitanza con il carnevale. Dato che D ha una ampia serie di maschere della mia infanzia fra cui può scegliere, ho deciso di preparare come regalo per la festeggiata proprio una maschera di carnevale, ma un po’ diversa dal solito… quella del fantasma Pacman. Dato che il tipino non è ancora interessato a fate e principesse, e soprattutto conosce benissimo il gioco (i genitori sono degli amanti dei vecchi videogiochi) ha apprezzato molto!
Per rendere ancora più divertente il regalo, ho abbinato anche la maschera di Pacman da regalare al fratello maggiore!

L’ispirazione è venuta da qui, ma il modello me lo sono costruito da sola sulla base delle misure disponibili dalle bimbe di casa.

Buon Carnevale!!

he daughter of a couple of friends always celebrated her birthday during Carnival. Since D has a large number of my childhood’s costumes among which she can choose, I decided to make as birthday gift a Carnival costume, but a little bit different from the usual … the ghost of Pacman. Since the little girls is not yet interested in fairies and princesses, and most importantly she knows the game very well (her parents are lovers of old video games), she has enjoyed the gift very much!
To make it even more fun, I matched it with the Pacman costume to be given to the older brother!
The inspiration came from here, but the pattern is my own on the basis of the body measures of the the girls in my house.

Happy Carnival !!

Annunci

Memory sonoro/Sound memory game

Avete presente le vecchie audiocassette? Ecco, chi è della mia generazione (tardi anni ’70) sicuramente ne ha in casa moltissime. Anche noi.
Dato che ormai tutta la musica è passata in digitale, le cassette sono ormai buttate, ma le custodie, su idea dell’uomo di famiglia, le abbiamo tenute per un memory speciale: un memory sonoro.
Abbiamo selezionato tutte le custodie simili, le abbiamo riempite a due a due di materiali vari e poi abbiamo applicato lo scotch da pacchi (quello di carta) in modo uniforme. Il gioco è pronto: abbiamo iniziato a scuotere tutte le scatoline per trovare quelle uguali… D dopo un pò si è annoiata, ma O non finiva più di scuoterle, credo che per lei il gioco sia stato veramente divertentissimo!

20151215_112635

Do you remember the old audio tapes? Those of my generation (late 70s) definitely has a lot of them at home. We either.
As all the music went on digital devices, the tapes are now thrown in the garbage, but the enclosures, based on an idea family man, were kept for a special memory game: a sound memory game.
We have selected all the similar ones,  filled two by two with various materials, and then we applied sellotape in a uniform manner. And we were ready for the game: shaking all the boxes to find the same… After a while D was bored, but O could not stop shaking them, I think that for her the game was really fun!

Figurine Panini/Panini stickers

Chi non ha fatto gli album delle figurine Panini durante l’adolescenza? Io ne ho alcuni, per pigrizia mai completati totalmente. Ma la mia sindrome di Robinson Crusoe non solo mi ha portato a tenere gli album per ricordo, ma anche le figurine doppie (triple o quadruple) delle figurine! L’idea iniziale era quelle di usarle per gli scambi, poi per attaccarle nei diari scolastici, infine come ricordo del passato. Ora una possibile variante è anche lasciarle usare a D e O per fare i loro disegni, ma le sprecherebbero nel giro di pochi fogli.
Come è evidente dalla foto la mia passione non erano i calciatori…

figurine

Who hasn’t tried to complete a Panini sticker album during adolescence? I’ve got some of them, but my laziness never allowed me to complete more than one. However,  my Robinson Crusoe syndrome not only led me to keep the uncomplete albums, but also the double (or any other mutiple) of the stickers! The initial idea was using them for exchanges, then to stick them in my school diaries, and at the end as a past time memory. Now, an option is to leave D and O use them, but they would be wasted in a few sheets.
As it is evident from the photos, my passion were not the football players …

I favolosi anni ’70/The fabulous ’70s

Per la festa di matrimonio di un paio di settimane fa (qui la scelta del regalo), gli sposi avevano avuto l’idea di una festa a tema. La loro preferenza era andata ai favolosi anni ’70. Allora, ho riaperto l’armadio di mia mamma con i pochi pezzi della sua gioventù che aveva salvato. Tre meraviglie sono apparse.
Per me è stato l’imbarazzo della scelta. Indovinate quale ho scelto!
…fortunatamente i bambini erano esentati, i pochi vestiti della mia infanzia non avevano altrettanto stile.

Anni 70_01anni 70_02anni 70_03

For the wedding party of a couple of few weeks ago (here the choice of gift), the couple had the idea of a theme party. Their preference went to the fabulous ’70s. So, I opened my mother’s closet where a few pieces of her youth were saved. Three wonders appeared.
For me it was a difficult choice. Guess which I choose…
… Fortunately, the children were exempt, the few clothes from my childhood were not so fashionable.

Ricordi/Memories

Quando abbiamo traslocato, D ha acquisito il diritto ad avere un armadio tutto suo in cui finalmente avrei potuto mettere i suoi abiti senza doverli ogni volta piegare… A parte gli appendiabiti colorati dell’Ikea, mia mamma mi ha portato una serie di appendiabiti della mia infanzia, di cui ammetto che avevo scordato l’esistenza.
Appena li ho visti mi sono ricordata di quanto mi piacessero e soprattutto, di quanto fosse frustrante non poterli usare come giochi (“no quelle no, ti ci levi un occhio se non stai attenta!”). Vedremo come riuscirò a comportarmi quando anche D esprimerà il desiderio di giocarci…

vecchi appendiabiti

When we moved, D had the right to have her own wardrobe where, at the end, I could put all her dresses without folding them everytime… Apart from the Ikea colourful hangers, my mother brought me a set of hangers from my childhood, which I completely forgot. As soon I saw them I remember how much I liked them and also how frustrated I was as I could not use them as toys (“no, not those, you may injure your eyes if you are not careful!”). Let’s see how I will behave when D will ask to play with them…